anp Caserta
A
ssociazione Nazionale Dirigenti ed Alte Professionalità della Scuola

Home

Come aderire

Consulenza

Formazione

Documenti e proposte

Docenti

Riceviamo e pubblichiamo...

Documenti e proposte

25/09/2012 Progetto Anp e FAI - Fondo Ambiente Italiano

Anp e FAI, Fondo Ambiente Italiano, promuovono un progetto comune, «FAI RETE», che intende favorire la collaborazione tra docenti e studenti di scuole di diversi istituti scolastici, anche di diverso grado, facilitando la messa in comune di iniziative e competenze, di strategie didattiche, di stili educativi e di pratiche di insegnamento-apprendimento.
Il focus verterà sul tema della tutela del paesaggio italiano quale bene collettivo di grande valore identitario. Gli studenti potranno costruire attivamente le proprie competenze anche grazie a momenti di collaborazione incrociata e attività volte a conoscere le realtà culturali, ambientali e sociali presenti sul territorio.

Scheda dell'iniziativa ANP e FAI
Per informazioni Fai - Fondo Ambiente Italiano
Settore Scuola Educazione tel 02467615279/84/85/88
faiscuola.fondoambiente.it

 

02/07/2012 Avviso ai soci. La segreteria dell'Anpcaserta invia alcune notizie direttamente agli iscritti tramite posta elettronica. Alcune mail tornano sistematicamente al mittente o perché la casella è piena o per qualche errore di trascrizione dell'indirizzo. Invito, pertanto, tutti i soci che non ricevono posta dalla segreteria a controllare la stato della casella postale e a trasmettere il proprio recapito di posta elettronica all'indirizzo: info@anpcaserta.it

08/06/2012 - Sentenza n. 147 della Corte Costituzionale
I giudici della Corte Costituzionale, con la sentenza n. 147, hanno dichiarato incostituzionale la norma varata dal precedente Governo Berlusconi sul dimensionamento scolastico. In particolare il comma 4 dell’art. 19 della Legge 111/11 che disponeva la creazione di istituti comprensivi con almeno 1000 alunni.
La sentenza è stata emessa in seguito al ricorso presentato dalle regioni Toscana, Emilia Romagna, Liguria, Umbria, Sicilia, Puglia e Basilicata ed era fondato sul fatto che la norma violava l’art. 117 della Costituzione.
La domanda ricorrente, molto pratica è “cosa succederà adesso?”
E’ indubbio che è necessario e indispensabile rivedere tutte le scelte operate nell’ambito del dimensionamento. Ma intanto, e il caso non è riferibile solo alla nostra regione, diverse persone si sono ritrovate in posizione di soprannumerari, dirigenti, DSGA, personale ATA.
Ritorneremo puntualmente sull’argomento per capire in che direzione si muoverà l’Amministrazione e tutti i soggetti coinvolti in quest’altra “avventura”.

CIN mobilità 05/06/2012
Oggi è stato sottoscritto il CIN mobilità da tutte le organizzazioni rappresentative dell'area V, tranne, comprensibilmente, l'ANP.
Le ragioni della mancata firma sono molteplici e si possono così sintetizzare:

-          I DS di scuole sottodimensionate sono a grave rischio di doversi accollare, loro malgrado, o una sede normodimensionata molto lontana dalla residenza o una seconda sede sottodimensionata senza ricevere indennità di reggenza;

-          non vi è alcuno spazio per adattare i criteri per il conferimento degli incarichi e per la mobilità alla specificità della regione Campania;

-          vi è il rischio che il fondo regionale dell'anno prossimo venga calcolato solo sul numero delle scuole normodimensiomate (936) e non sul numero delle autonomie. 

Inoltre, il CIN non concede alcuno spazio ai DS di scuole normodimensionate che vogliano fare domanda di mobilità poichè le sedi verrebbero occupate tutte, nessuna esclusa, da DS in sovrannumero in seguito alla delibera regionale e da DS di scuole sottodimensionate praticamente obbligati a fare domanda di mobilità.
Non si comprende il motivo per cui si firma un CIN per una materia non più oggetto di contrattazione (incarichi dirigenziali) e non si prevede nulla per una questione di retribuzione (indennità di reggenza) per la quale c'è invece reale bisogno di contrattare.
Ad ogni buon conto comunico che il tavolo regionale (quasi del tutto svuotato di poteri) verrà convocato per il 15 di giugno.

 

3 maggio 2012
Caro Rembado, ricevo da numerosi iscritti della Provincia di Caserta, vibrate proteste per la volontà, espressa dall'attuale governo, di effettuare ulteriori tagli alla suola. Ritieni che l'ANP DEBBA FAR SENTIRE LA SUA VOCE? Ti sono grato se mi fai conoscere il tuo parere che porterò a conoscenza dei nostri iscritti.
Cordialmente Felice Vairo

Attentato a Brindisi. Colpiti gli studenti di una scuola 19 maggio 2012
L’Anp esprime la sua solidarietà alle famiglie delle vittime del gravissimo attentato che, con bestiale e cieca violenza, ha colpito oggi gli ignari e incolpevoli studenti dell’Istituto Professionale “Morvillo-Falcone” di Brindisi.
Accanto alla manifestazione del profondo cordoglio per l’uccisione di due studentesse dell’Istituto, l’Anp riafferma la condanna per ogni forma di violenza e si dichiara vicina a quanti - istituzioni, dirigenti, docenti, operatori scolastici, studenti e loro famiglie - si adoperano per ripristinare nella scuola e nella comunità brindisina il necessario clima di coesione e solidarietà sociale che isoli e condanni gli autori di un gesto tanto efferato quanto inaudito, che colpisce oggi una scuola per colpire il futuro del Paese.

 

 

chi siamo | contatti | organigramma PDF